L'Italia ha un problema di gestione del concetto di “salute mentale” che parte dalla lingua. Quello che in inglese è “mental health issue” cioè un problema di salute mentale da noi è “malato di mente”, evocando camicie di forza.
Questo induce a imporre uno stigma verso chi ha problemi di natura psicologica, come l'idea che una persona “privilegiata” debba accettare in silenzio di subire abusi e violenza psicologica perché “vada a zappare poi ne parliamo”.
E' successo con la Pellegrini, con Megan Markle che "sapeva in che famiglia andava", con la Biles che ha “i demoni nella testa” scritto così perchè appaia posseduta
Ma se non si superano questi atteggiamenti verso persone oggettivamente privilegiate difficilmente sarà possibile fare ragionamenti compiuti sulla gente “normale” costretta a vivere in solitudine il proprio disagio.

Follow

@unknow
Parlare dei "twisties" (cioé di quando volteggi e non riesci a darti una posizione nello spazio, rischiando quindi di cadere e spaccarti o peggio- lei ha anche dichiarato questo) era troppo banale. Bisogna andare avanti tre giorni a parlare di questa ragazzetta coi problemi mentali, altrimenti tocca occuparsi delle cose serie e non va bene.

Sign in to participate in the conversation
Puntarella

a/social indipendente di Roma

leggi il nostro manifesto e cosa si può fare e cosa no (policy)

puntarella.party è basato su Mastodon, piattaforma di microblogging libera e open source (cos'è, come funziona) e fa parte del Fediverso